Viaggio in Giappone con guida locale ”JAPANISSIMO"

Viaggio in Giappone con guida locale ”JAPANISSIMO"

2019年 01月 11日

Ultimo anno nuovo del periodo Heisei

Salve a tutti da Japanissimo, e` finalmente giunto il nuovo anno e l’Imperatore e l’Imperatrice, insieme ad altri membri della famiglia Imperiale, hanno celebrato l`evento con ben 154.800 persone che hanno visitato il Palazzo Imperiale nel centro di Tokyo mercoledì.

Secondo l’Agenzia della Casa Imperiale il numero di visitatori del consueto evento di auguri di capodanno è stato il più alto dell’attuale periodo Heisei, iniziato nel 1989, superando il precedente record, segnato l’anno scorso, di 126.720 visitatori.

All’evento l’Imperatore, nel suo ultimo saluto di inizio anno al pubblico (il periodo Heisei finira` infatti il 30 aprile di quest`anno, quando ci sara` l`abdicazione dell`Imperatore), ha espresso il desiderio di un anno migliore per quante più persone possibile pregando per la pace e la felicità della gente in Giappone e nel mondo.

 

 

Dato il gran numero di visitatori, l’Imperatore ha ripetuto il saluto di inizio anno sette volte, anziche` le usuali cinque, dinnanzi alle grandi folle che si sono avvicendate, salutando con la mano e con sorrisi insieme all’Imperatrice ed altri membri della famiglia imperiale, tra cui il Principe e la Principessa ereditari e il Principe Akishino, il secondo figlio dell’Imperatore, e sua moglie, la Principessa Kiko.

L`apparizione dell’Imperatore e dell’Imperatrice dinnanzi ai visitatori del palazzo e` percio` stata l`ultima dato che l’Imperatore cedera` presto il trono al Principe ereditario, il suo figlio maggiore.

Sono pero` state molte le persone desiderose di assistere all’ultimo saluto di inizio anno dell’era Heisei ed hanno percio` fatto una lunga fila all’ingresso principale del Palazzo sin dal primo mattino.

L`Agenzia della Casa Imperiale sta quindi considerando un piano per far si` che il presente Imperatore e l`Imperatrice partecipino al saluto di inizio anno 2020 in qualita` di “Joko” e “Jokogo”, i titoli che verranno assegnati loro, rispettivamente, dopo il loro ritiro.