• Japanissimo Staff

Panoramica sulle Linee Guida per il turismo incoming

Nella giornata di ieri, Martedì 7 Giugno, la JTA (Japan Tourism Agency) ha annunciato le nuove linee guida riguardanti l’ingresso in Giappone da parte dei turisti stranieri. In sintesi, dal giorno 10 Giugno sarà possibile l’ingresso di turisti provenienti dall’estero a patto che essi partecipino a tour organizzati con accompagnatore al seguito e che vi sia un’azienda turistica locale che funga da responsabile per l’accoglienza. Premesse: ①Un’azienda turistica registrata presso il governo deve essere responsabile per l’accoglienza dei partecipanti al tour.

② L’itinerario del tour deve essere stabilito anticipatamente. ③I viaggiatori devono essere accompagnati da un accompagnatore per tutta la durata del viaggio (dall’ingresso in Giappone alla partenza). ④ I partecipanti al tour non devono aver soggiornato in paesi o zone non appartenenti alla categoria “blu” negli ultimi 14 giorni prima dello sbarco in Giappone. Questo è un estratto delle Linee Guida: Prima del viaggio:

  • Chi vende o organizza i pacchetti ai viaggiatori (siano, queste, aziende giapponesi o estere) dovrà pianificare l’itinerario di viaggio tenendo in considerazione le misure di prevenzione del contagio. Inoltre, nel caso di un’azienda turistica che vende o organizza i pacchetti ai viaggiatori non giapponese, è necessario che il responsabile all’accoglienza dei viaggiatori in Giappone controlli l’itinerario del pacchetto.

  • Nel vendere i propri pacchetti ai clienti, è necessario che questi diano il proprio consenso all’osservanza delle seguenti misure: indossare la mascherina, stipulare un’assistenza sanitaria di viaggio privata che comprenda la casistica da Covid-19, seguire le indicazioni dell’accompagnatore, ecc. In caso di non accettazione di queste direttive potrebbe essere negata la partecipazione (proseguimento) al tour.

  • È necessario che i clienti siano informati sulla possibilità, in caso di contagio o di stretto contatto con un positivo durante il viaggio, di dover allungare il soggiorno in Giappone, con costi aggiuntivi a carico del viaggiatore.

  • I viaggiatori dovranno ottenere un visto di ingresso per il Giappone.

Durante il viaggio:

  • L’accompagnatore è tenuto ad annotare ciò che i viaggiatori fanno durante il tour (le strutture visitate, il posto a sedere occupato su di un mezzo pubblico, ecc.). Questo registro verrà utilizzato per individuare nella maniera più precisa possibile il raggio di azione e gli spostamenti dei partecipanti in caso di positività o di contatto stretto.

  • Il responsabile all’accoglienza ha il dovere di fornire il supporto e l’aiuto necessario al viaggiatore risultato positivo o a un suo contatto stretto.

Dopo il viaggio:

  • È necessario che il viaggiatore, in caso di positività al Covid-19 entro la settimana successiva al suo ritorno in patria, lo comunichi urgentemente all’azienda turistica e al responsabile per l’accoglienza.

Limite ai partecipanti: Non c’è un numero minimo o massimo di persone che possono partecipare al tour. Anche in caso ci sia un solo partecipante, il tour viene consentito. *Attenzione* al momento in Giappone c’è ancora un tetto limite giornaliero di ingressi. Al momento questo tetto è fissato a 20mila, e in questo numero rientrano non solo i turisti ma anche coloro che arrivano in Giappone per lavoro o affari e quelli che ritornano da un viaggio all’estero. È previsto un innalzamento di questo limite a 30mila per il mese di Luglio. Per fare un paragone con il pre-Covid-19, nel 2019 la media degli ingressi giornalieri di soli turisti era di 87mila. L’ Accompagnatore:

  • Seguendo le direttive indicate dall’azienda responsabile dell’accoglienza dei viaggiatori, deve garantire il rispetto delle misure di prevenzione e di gestire eventuali situazioni di emergenza. Non è necessario che possegga un’abilitazione ufficiale, tuttavia egli/ella deve avere la capacità di gestire un tour. Nel caso l’accompagnatore venga a seguito del tour direttamente dall’estero, è necessario che possegga un’ottima padronanza della lingua giapponese e un visto di ingresso per scopo lavorativo.

È consentito del tempo libero ai viaggiatori all’interno del tour? Di base, l’accompagnatore sarà presente durante tutto il tour dall’ingresso in Giappone fino alla partenza e annoterà tutti gli spostamenti e le attività dei viaggiatori. Tuttavia gli/le è concesso allontanarsi dai partecipanti durante il tour a patto che si verifichino le seguenti situazioni:

  • Nel caso di luoghi in cui è impossibile per l’accompagnatore verificare l’osservanza alle misure di prevenzione, come uno spogliatoio o un bagno.

  • In caso di attività all’aperto in cui è possibile avere una distanza di 2 metri in modo continuativo, come, ad esempio, passeggiate nella natura.

  • Nei luoghi chiusi, nel caso in cui, anche in assenza di distanza di sicurezza, ci si trovi in una situazione tale da non poter parlare.

  • Nel caso in cui vengano rispettate tutte le seguenti condizioni:

  1. Prima dell’allontanamento, l’accompagnatore deve ricordare ai partecipanti le regole da seguire per prevenire il contagio e la diffusone del Covid-19

  2. L’accompagnatore e i partecipanti devono essere sempre in grado di contattarsi a vicenda.

  3. L’accompagnatore deve comunque trovarsi all’interno di un raggio di azione che gli/le permetta di controllare, di tanto in tanto, la situazione.

Da quando sarà possibile fare domanda per ottenere il visto d’ingresso per scopo turistico?


Dal 10 Giugno, l’azienda turistica responsabile per l’accoglienza potrà effettuare la richiesta in merito all’ingresso dei visitatori per scopo turistico attraverso il sistema ERFS (Entrants, Returnees Follow-up System), e nello stesso giorno, sarà possibile anche fare domanda per ottenere il visto.


*Attenzione* La richiesta all’ERFS da parte del responsabile per l’accoglienza non equivale alla richiesta per ottenere il visto. In generale, chi deve ottenere un visto deve verificare presso le istituzioni di competenza (le ambasciate o i consolati) in maniera dettagliata i documenti di cui ha bisogno. Tuttavia non è ancora possibile capire le tempistiche per il rilascio del visto.



Queste sono in generale le linee guida annunciate dal governo. Vi ricordo che la situazione è sempre in divenire e queste linee guida potrebbero cambiare con il passar del tempo. In quel caso vi terremo aggiornati.

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti