• Japanissimo Staff

Ultim'ora: Il Premier Kishida annuncia nuovi allentamenti dal 7 Settembre!

Nella giornata di Mercoledì 31 Agosto il Primo Ministro Fumio Kishida ha tenuto la sua prima conferenza stampa dal suo ritorno alle attività parlamentarie dopo l'assenza forzata causa covid.

Il premier ha sottolineato che, grazie alla quarta dose, ha accusato soltanto lievi sintomi che sono scomparsi nel giro di pochi giorni.


La conferenza stampa ha toccato vari punti dell'attualità politica degli ultimi mesi, come i rapporti tra molti esponenti politici della maggioranza con la vecchia "Chiesa dell'Unificazione" e il dibattito sulla necessità o meno di effettuare i funerali di stato per il defunto ex premier Shinzo Abe.


Tuttavia la parte più significativa del discorso del premier Kishida si è rivelata sicuramente quella riguardante le nuove politiche anti-covid e l'allentamento delle misure alle frontiere, in vista di una nuova fase di convivenza con il virus. In particolar modo, il Primo Ministro ha annunciato l'aumento, dal prossimo 7 Settembre, del limite massimo di ingressi giornaliero da 20,000 a 50,000. Da notare che era previsto, nel mese di Agosto, un innalzamento di questo limite a 30,000 (20,000 unità in meno di ciò annunciato).


Il primo ministro ha anche annunciato che, sempre dal prossimo 7 Settembre, sarà eliminato l'obbligo di effettuare un test molecolare PCR entro 72 ore prima della partenza per il Giappone per tutti coloro che avranno effettuato almeno la terza dose del vaccino anti-covid. Sarà inoltre permesso visitare il Giappone anche attraverso pacchetti organizzati senza guida al seguito.


In particolare quest'ultimo punto rappresenta la modifica più importante alle attuali linee guida, poiché rimuove l'obbligo della guida H24 dall'arrivo in Giappone fino la partenza. I viaggiatori dovranno comunque acquistare un pacchetto con itinerario presso un travel agent ed essere muniti di assicurazione sanitaria privata per il viaggio. Vige, inoltre, ancora l'obbligo di ottenere il visto turistico, sebbene il premier Kishida abbia fatto intendere che anche sotto quest'aspetto il Giappone procederà con una graduale semplificazione delle procedure.


Secondo le parole del Primo Ministro, queste modifiche saranno applicate nei confronti di tutti i paesi, senza più distinzioni fra categorie blu, giallo e rosso.


Il premier ha motivato queste modifiche con la necessità del Giappone di partecipare ad un processo di scambio internazionale che si è fatto sempre più intenso negli ultimi mesi dopo due anni di pandemia.




0 commenti

Post recenti

Mostra tutti